di Andrea Vannucci
Professore a contratto di Programmazione, Organizzazione e Gestione delle aziende sanitarie, Università di Siena

“La pandemia ha evidenziato l’importanza delle cure palliative in tutti i sistemi sanitari. L’esigenza di dare sollievo a così gravi sofferenze, la difficoltà delle decisioni da prendere, la complessità dei dolori causati dalla pandemia sono esattamente quei tipi di problemi per i quali le Cure palliative sono proprio state progettate. Le elevate spese sanitarie e di assistenza sociale pro capite in età avanzata non sono semplicemente una conseguenza dell’’invecchiamento’, ma sono guidate dalle spese alla fine della vita” (Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore Generale Organizzazione Mondiale della Sanità).
Le preoccupazioni per l’impatto dell’invecchiamento della popolazione sui sistemi sanitari e di assistenza sociale includono il timore che le spese aumenteranno rapidamente e che potrebbe esserci una carenza di giovani per sostenere le esigenze della popolazione che invecchia.
È stato però dimostrato nelle ricerche dell’Osservatorio Europeo sull’economia dell’invecchiamento sano e attivo che tali timori sono probabilmente esagerati e che l’invecchiamento della popolazione di per sé porterà solo a un lento e modesto aumento dei bisogni e dei costi di assistenza…