DI PIETRO CLAUDIO DATTOLO

Recentemente la Giunta Regionale della Toscana ha approvato una delibera avente per oggetto: “Linee di indirizzo per la gestione dei casi SARS-CoV-2, positivi asintomatici o paucisintomatici” con la quale si precisa che i pazienti positivi al COVID asintomatici o paucisintomatici, non a rischio evolutivo della malattia, possono essere ricoverati in apposite “bolle COVID” all’interno di un reparto non-COVID dove è trattata la patologia prevalente. I vantaggi, a detta della Regione, sono duplici: da un lato garantire i massimi livelli di assistenza sotto il profilo del rischio infettivo e, dall’altro, dal punto di vista clinico-assistenziale, potenziare e garantire al meglio la cura della patologia di base. In realtà questa soluzione era già attiva da tempo in alcuni ospedali fiorentini (S.M. Annunziata per esempio); la delibera estende questa prassi a tutto il territorio toscano…